Tokyo 2020 Opening Ceremony, Tonga Shirtles Flag Bearing, Italy Clothing, News, Reaction, Clothing, Clothing, Parade, Picogram,

Le cerimonie di apertura olimpiche offrono sempre un sacco di difetti e glamour – e alcuni abiti assolutamente straordinari. Tokyo non è diversa, offrendo alcune scelte di moda esilaranti (e spaventose).

Il divertimento è iniziato presto quando il cantante dell’inno nazionale giapponese ha tirato fuori un allegro vestito da “cono di neve”.

La cantante giapponese Misia canta l’inno nazionale giapponese “Kimi Ka Yo”.Fonte: AFP

Ulteriore:

1.824 droni, sbalorditivi nell’epopea di Keith Urban, toccheranno la cerimonia di apertura

I manifestanti anti-olimpici sono stati ascoltati all’interno dello stadio durante la cerimonia di apertura

“Come assistere a un funerale”: cerimonia di apertura “sempre cattiva” per i fan

I doppi portabandiera che hanno fatto il loro debutto alle Olimpiadi hanno dato un sacco di schifo – soprattutto quando c’era un serio dislivello

Non per la prima volta, il Pita Tao Fatofua di Tonga porta la bandiera del suo paese

Come ha fatto a Rio 2016 e Pyongyang 2018, l’atleta affamato è stato spogliato e oliato, attirando fan nel processo.

Adesso ha 37 anni, non che tu possa dirlo.

Ma in una svolta scioccante, non solo ha portato la bandiera ai giochi, ma si è anche unito al divertimento di Vanuatu!

Le squadre italiane non hanno avuto lo stesso successo della loro squadra di calcio di Euro 2020.

L’abbigliamento proprio dell’Australia non ha promosso il successo mondiale:

C’era musica durante la sfilata delle nazioni. Gli atleti sono usciti dalla musica da una varietà di colonne sonore iconiche di videogiochi, tra cui Dragon Quest, Final Fantasy, Sonic the Hedgehog, Kingdom Hearts e Pro Evolution Soccer.

L’Irlanda è entrata per prima – ha ricevuto numerosi riconoscimenti per essersi inchinata all’imperatore giapponese.

Il Portogallo ha portato abbastanza energia per riempire lo stadio da 68.000 posti.

Anche se la sfilata è finita, il divertimento non è sicuramente finito.

I pittogrammi, mappe bidimensionali che rappresentano ogni gioco, sono stati inventati dal Giappone nel 1964 per abbattere le barriere linguistiche.

Alla fine perfetta di quella storia, non solo hanno creato versioni in movimento (dinamiche) di design bidimensionali, ma tre artisti si sono progettati in design tridimensionali (sì, 50!) Design.

Nonostante un leggero singhiozzo di badminton, l’esilarante atto ha quasi rubato lo spettacolo:

READ  Il tiro da curling di Insine aiuta Belgio e Spagna ad avanzare in semifinale al limite dell'Italia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Theteller.it