Cosa sono i portici e perché possono essere inseriti nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO in Italia?

L’Italia ha il più grande patrimonio mondiale dell’UNESCO di qualsiasi paese del mondo. A Bologna non si trova nemmeno uno dei 55 siti, ma la città spera che presto cambierà.

Bologna ha presentato domanda per prendere in considerazione i suoi famosi portici ed è in trepidante attesa di risposta. Entro fine mese si deciderà.

Cos’è Portico?

Un portico è un passaggio coperto con un tetto spesso sostenuto da colonne. I portici di Bologna furono costruiti per la prima volta nell’XI secolo e sono molto diffusi in questa città italiana.

“Il portico dovrebbe essere utilizzato come via pubblica, anche se la proprietà è privata”, spiega la storica dell’arte e mentore locale Elena Ponce.

“Pertanto, ogni edificio privato era obbligato per legge a costruire un portico, ma parte del passaggio non era di loro proprietà. Allo stesso tempo, il proprietario doveva pulire e mantenere il portico, che esiste ancora oggi”.

Nel 1288, ogni proprietario di un edificio era obbligato per legge a creare un portico.

«Ci ​​sono portici in altre città italiane, ma niente come Bologna, perché ci sono circa 38-40 chilometri di portici nel centro storico, e più di 50 se si contano quelli fuori dalle porte della città», dice Elena.

La città vuole includere tutti i suoi portici nell’uso dell’UNESCO, ma è ora considerata per dodici siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO sui bellissimi marciapiedi coperti di Bologna.

Guarda il video qui sopra per saperne di più sui bellissimi portici di Bologna.

READ  Uomo rinascimentale: come Mancini ha trasformato l'Italia da caos a macchina vincente | Roberto Mancini

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Theteller.it