Jewish News – Il primo ministro haitiano è stato coinvolto nell’assassinio del presidente?

Il primo ministro di Haiti è coinvolto nell’assassinio del presidente?

Il procuratore generale dello stato vuole incriminare Ariel Henry e impedirgli di lasciare lo stato, sostenendo di aver fatto telefonate al principale sospettato la notte dell’assassinio.

Il procuratore generale di Haiti sta cercando di presentare un atto d’accusa contro il primo ministro haitiano in carica Ariel Henry per il suo coinvolgimento nell’assassinio del presidente Gonpel Moise quasi due mesi fa, sostenendo di aver parlato con il principale sospettato nel caso la notte dell’assassinio.

Gonbel Moises, il presidente di Haiti è stato assassinato da assassini (Immagine: Getty Images)

Bud Ford Claude, commissario del governo – un ruolo parallelo al procuratore federale, ha chiesto al medico legale della omicidi di accusare Henry di omicidio, impedendogli di lasciare il Paese “per la gravità dei fatti che sono stati rivelati”. “Ci sono fattori sufficienti … per perseguire Henry e presentare un’accusa contro di lui”, ha scritto Claude.

Il primo ministro Henry, che è stato formalmente nominato alla carica meno di due settimane dopo l’assassinio, non ha ascoltato la richiesta di Claude.

Come ricorderete, Mauis è stato assassinato nella sua casa da uomini armati il ​​7 luglio. Il primo ministro Henry assunse immediatamente la carica di presidente in carica e, meno di due settimane dopo l’assassinio, fu deciso che il ruolo di presidente sarebbe stato eliminato a questo punto, e Henry ora ricopre entrambi i ruoli. Finora, nessuna risposta è stata ricevuta da Henry o dal suo ufficio.

Le accuse di Claude sono arrivate pochi giorni dopo aver invitato il primo ministro a incontrarlo e a descrivere il motivo per cui aveva parlato con uno dei principali sospettati dell’omicidio di Moyes. Il giorno dopo, Henry ha rifiutato la richiesta, sostenendo che si trattava di una “tattica di distrazione” intesa a seminare il caos e impedire la giustizia.

“I veri colpevoli, le menti e coloro che credono nell’odioso assassinio del presidente Gonpel Moise – saranno assicurati alla giustizia e puniti per i crimini che hanno commesso”, ha scritto Henry su Twitter quattro giorni fa.

READ  Miglior Costume Elfo Donna: le migliori scelte per ogni budget

L’attuale primo ministro haitiano Ariel Henri (Foto: AFP)

Lunedì, il ministero della Protezione civile di Haiti, un organismo che si rivolge al pubblico, ha invitato Henry a dimettersi da primo ministro, esortandolo a comparire davanti all’accusa su richiesta di Claude, e ha fatto luce sulla situazione. “Saremmo tutti lieti di conoscere il contenuto di questa conversazione”, ha detto il procuratore generale Renuel Deville delle conversazioni riportate tra Henry e Joseph Badiou, criminali in fuga che un tempo lavoravano per l’Ufficio di giustizia e corruzione di Haiti.

Badiou è stato licenziato lo scorso maggio tra accuse non specificate di violazioni etiche.

Su richiesta di Claude, che si estendeva su due pagine, il commissario ha affermato che le chiamate sono state effettuate alle 4:03 e alle 4:20 (ora locale) del 7 luglio e ha affermato che le prove raccolte hanno mostrato che Badiou era in quel momento vicino alla casa di Moise. Le conversazioni sono durate sette minuti, e Haney era al Montana Hotel a Port-au-Prince, ha detto Claude, osservando che un funzionario del governo ha twittato il mese scorso che Henry gli aveva detto di non aver mai parlato con Badiou.

“Il primo ministro non può rimanere in carica senza liberare queste aree oscure”, ha detto l’avvocato Deville. “Dovrebbe rimuovere tutti i sospetti contro di lui.”

Finora, più di 40 sospetti, tra cui 18 ex soldati colombiani e tre haitiani americani, sono stati arrestati nel caso di omicidio che ha scosso il paese, mandandolo in una grave instabilità politica. Le autorità stanno ancora cercando altri sospetti, tra cui Badiou e l’ex senatore haitiano.

L’articolo ti interessa?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Theteller.it