Nuova legge sull’etichettatura dei suini in Italia

L’Italia introdurrà presto una nuova legge sull’etichettatura nazionale dei prodotti suini. È associato al benessere degli animali e alle condizioni di riproduzione dei semi.

Con la legge è stato approvato un disegno di legge che partirà a luglio 2021. I nuovi regolamenti derivano dalla pressione dell’Italia per chiarire le informazioni sui prodotti a base di carne di maiale e altri prodotti a base di carne. Alcuni in Italia ritengono che le attuali etichette dei prodotti possano fuorviare i consumatori riguardo ai metodi di allevamento (come l’uso di casse di allevamento) e altri aspetti del benessere animale.

Un negozio a Roma, Italia, ha in vendita una varietà di prodotti tradizionali a base di carne di maiale.  Potrebbero presto portare un'etichetta che informa i clienti sullo sfondo dei prodotti.  - Foto: Shutterstock

Un negozio a Roma, in Italia, vende una varietà di prodotti tradizionali a base di maiale. Potrebbero presto portare un’etichetta che informa i clienti sullo sfondo dei prodotti. – Foto: Shutterstock

Sincronizzazione dei sistemi di etichettatura del maiale

Nel luglio 2020, il Parlamento italiano ha approvato la legge n. 77. Maricio Gallo, direttore dell’Organizzazione dell’Industria Suina Italiana Associazione Nazionale Allevatori Suini (ANAS) ha spiegato che attraverso questa legge entra in vigore il ‘Sistema Qualit Nacionale Benesser Animal (SQNBA)’. SQNBA sincronizza diversi metodi di etichettatura volontaria dei prodotti suini legati al benessere, alla sopravvivenza e all’uso di antibiotici nel bestiame italiano. “Nei prossimi mesi, verrà emesso un ordine del gabinetto per giudicare sui sistemi di certificazione”, ha affermato Gallo.

“Semplicemente ci è venuto in mente allora [to be] Dovrebbe essere utilizzato un piano per ogni specie e specie (es. suini: allevamento e stato di grasso, outdoor e indoor) e il sistema ‘Classiform’ del Ministero della Salute. Allora, per tutti coloro che sono interessati a marchiare per bene quel maiale in Italia [that is, making claims in the use of production practices that relate to animal welfare] Deve rispettare gli standard minimi stabiliti da SQNBA. “

READ  Denak pianifica un nuovo approccio dopo il suo ritiro dall'Italia

La seconda legge sull’etichettatura dei prodotti suini pork

Nell’ambito di questa iniziativa, un altro disegno di legge (n. 2403) nel 2020 è stato presentato dai gruppi per i diritti degli animali World Agriculture (CIWF) Italia e Legampient, e sostenuto e coordinato dal Rappresentante del Partito Liberi e Uguali d’Italia (Liu ) Produttore di carne di maiale. Fumagalli Industria Alimentare. Questi ultimi si sono concentrati sulla produzione di prodotti a base di pancetta di alta qualità da suini allevati da molti anni.

Nell’aprile 2021 è stato proposto un sistema di etichettatura simile Latticini in Italia In base al tipo di produzione di latte e alle relative pratiche di gestione degli animali. Sono state proposte un totale di 5 fasi di produzione, che vanno dal biologico all’attivo.

“Lo schema di etichettatura è molto superficiale”

La direttrice di CIWF Italia Anna Maria Piscabia critica la legge 77. A suo avviso, lo schema di etichettatura è molto superficiale, con un solo tipo di produzione indoor e un tipo di produzione a distanza. Ha quindi sostenuto che la legge impone multe agli agricoltori che hanno già praticato un’agricoltura con una migliore qualità indoor perché saranno fondamentalmente “messi nella stessa vasca” con gli agricoltori che producono intensivamente. Ha aggiunto che gli agricoltori che hanno già interrotto la potatura della coda saranno ancora classificati con coloro che utilizzano la pratica. Inoltre, CIWF Italia vuole affrontare l’utilizzo delle griglie gestazionali di semina.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Theteller.it