Spiegazione: lo scongelamento del permafrost potrebbe causare un’altra pandemia?

L’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change avverte che l’aumento del riscaldamento globale porterà a una diminuzione del permafrost artico e che lo scioglimento della terra dovrebbe rilasciare gas serra come metano e anidride carbonica.

Il permafrost è definito come terreno (terreno, roccia e qualsiasi ghiaccio o materia organica inclusi) che rimane a 0°C o al di sotto per almeno due anni consecutivi e il permafrost si sviluppa su un’area di oltre 23 milioni di chilometri quadrati, coprendo circa il 15% della superficie della sfera terrestre.

le notizie | Clicca per ottenere la migliore spiegazione della giornata nella tua casella di posta

In un’intervista a Indianexpress.comIl dottor Cristoforo R. Berna, presidente dell’International Permafrost Association, spiega le conseguenze dello scongelamento del permafrost.

Quali saranno gli effetti immediati del disgelo del permafrost dovuto all’aumento delle temperature globali?

Primi impatti molto rapidi interesseranno i paesi in cui strade o edifici sono costruiti nel permafrost. Le ferrovie russe sono un esempio. Nel nord-ovest del Canada, ora abbiamo un breve tratto di strada in cui è stato necessario raffreddare il terreno per rendere le fondamenta della strada ancora più fresche di quanto non siano, al fine di preservare il permafrost. E per i 500 metri di strada le spese sono state di 4 milioni di dollari. Ora, sono un sacco di soldi per un breve tratto di strada.

Ma il più grande problema internazionale legato al potenziale della materia organica, è ora sepolto e congelato nel terreno. Se la terra inizia a sciogliersi, questa sostanza sarà disponibile per la decomposizione dei microrganismi. In alcuni ambienti, gli organismi rilasceranno anidride carbonica e in altri rilasceranno metano che è un gas serra da 25 a 30 volte più potente dell’anidride carbonica. Quindi c’è grande preoccupazione.

READ  Miglior Vagine In Silicone Per Uomo: le migliori scelte per ogni budget

La quantità totale di carbonio ora sepolta nel permafrost è stimata in circa 1.500 miliardi di tonnellate, mentre il volume dei tre metri più alti dalla terra è di circa 1.000 miliardi di tonnellate.

Attualmente, il mondo emette annualmente nell’atmosfera circa 10 miliardi di tonnellate di carbonio. Quindi, se il permafrost si scioglie e rilascia anche solo l’uno per cento di carbonio congelato in un anno, potrebbe annullare tutto ciò che facciamo per le emissioni industriali.

Abbiamo bisogno di più studi per capire queste emissioni che possono verificarsi?

Sì, abbiamo fatto. La maggior parte degli sforzi fino ad oggi è stata quella di stimare la quantità di carbonio nel permafrost. Questo è dove è stato lo sforzo scientifico. Al momento, ci sono alcune prove, la prima prova è stata pubblicata nel 2019, che alcune aree di permafrost sono cambiate da depositi di carbonio a luoghi che emettono emissioni nette di carbonio.

Il dottor Byrne con gli studenti. (credito: Carleton University)

L’altra cosa che dobbiamo considerare che è una delle principali preoccupazioni per molti di noi è l’aumento del numero di incendi boschivi. Quest’anno, la Russia ha subito un incendio boschivo che ha avuto un’area totale delle dimensioni del Portogallo. Quindi è una vasta area bruciata.

Di solito, dopo un incendio, ci si aspetterebbe che la foresta ricresca nei prossimi 50-60 anni. Ciò ripristina le riserve di carbonio nell’ecosistema. Ma nella tundra, la torba è dove si trova la materia organica e questo richiede molto tempo per accumularsi. Quindi, se bruciamo la torba e la rilasciamo nell’atmosfera, ci vorranno secoli per ripristinare lo stock di carbonio a livello del suolo. Quindi questo è un altro problema che non abbiamo le dita.

READ  Miglior Levitra 20Mg Originale: le migliori scelte per ogni budget

Puoi spiegare se lo scongelamento del permafrost potrebbe rilasciare nuovi batteri o virus? Potrebbe causare un’altra pandemia?

La risposta è che il permafrost ha molti segreti. Recentemente abbiamo trovato dei mammut nel permafrost della Russia. E alcune carcasse di mammut quando iniziano a decomporsi di nuovo possono rivelare batteri che sono stati congelati per migliaia di anni. Quindi ci saranno sorprese. Ma non è possibile dire se saranno sorprese fatali.

Ricordiamo anche che quando il permafrost si è formato migliaia di anni fa, non c’erano molti umani che vivevano in quella zona che era necessariamente così fredda.

📣 Iscriviti ora 📣: Spiegazione del canale Express Telegram

E come sai, il numero di malattie che puoi trovare in India è molto maggiore del numero di malattie che trovi in ​​Groenlandia. L’ambiente è ora molto più favorevole di quanto non fosse durante l’era glaciale non solo per la vita umana, ma anche per l’evoluzione o l’evoluzione di virus e batteri.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Theteller.it